«

»

Ott 31

“Gioco di squadra” festeggia il decennale.

Il 1° novembre 2017 (per rimanere alla cose di casa nostra) si celebra un altro importante compleanno, il decennale del sito internet www.giocodisquadra.it , ideato dal bravissimo Valter Mulas, che negli anni è diventato un punto di riferimento e la memoria storico-fotografica dello sport in Sardegna.

“Era il primo 1° novembre del 2007 – ha ricordato Valter Mulas – quando mettemmo online Gioco di squadra, con l’idea di raccontare per immagini storie sempre diverse con tantissimi protagonisti e uno spirito comune, il gioco di squadra.

In questi 10 anni abbiamo coerentemente mantenuto la stessa linea iniziale, non abbiamo ceduto alle tentazioni dei vari social network per non snaturare il progetto.

Siamo sempre l’unico fotoblog legato allo sport di gruppo che oramai ha quasi raggiunto i 5000 articoli (manca poco), mentre le immagini hanno superato quota 5000 già da diverso tempo.

È impossibile contare – ha detto ancora Valter Mulas – quanti sportivi sono presenti in questi articoli; è un meraviglioso archivio storico sullo sport dilettantistico della Sardegna sempre a disposizione di tutti, da scaricare, da condividere e commentare.

Naturalmente il ringraziamento va a tutte le persone che in questi 10 anni hanno contribuito con le immagini (oltre quelle che condividiamo dalle vostre pagine Facebook), con i commenti, le critiche e i suggerimenti che tengono in piedi Gioco di squadra.

Non smetterò mai di ricordare e ringraziare lo straordinario Felipe Ramos (superwebmaster dei due mondi) che pazientemente ha trasformato la mia idea in un foto-blog, Davide Del Nista e Antonio Onidi, dell’agenzia Kiwi ADV di Oristano, sempre pronti a intervenire in caso di attacco frontale degli hacker.

Da qualche anno, inoltre, teniamo sempre aggiornati gli appassionati oristanesi del torneo Amatori Over 35 di calcio a 11 organizzato dalla sezione di Oristano della FIGC.

Purtroppo, in questi 10 anni, tanti sportivi presenti in questi articoli ci hanno lasciato, ma le immagini ci aiutano a tenere sempre vivo il loro ricordo.

Un saluto particolare e affettuoso lo voglio dedicare a un assiduo frequentatore del sito che fin dall’inizio è stato fra i più grandi sostenitori di questo progetto, Renato Carta, collaboratore de L’Unione Sarda. Mi mancheranno i suoi commenti ironici e al contempo provocatori.

Gioco di Squadra, dopo 10 anni è ancora palla al centro!”.

A noi non resta che concludere con l’augurio di almeno altri dieci anni di successi.

Buon Compleanno.

“Provo una istintiva simpatia, e una ovvia stima di fondo, per Pietro Grasso. E guardo con ammirazione, gratitudine e affetto alla figura di Nichi Vendola. Sono due pezzi della Sinistra che vorrei. Ma quella Sinistra la vorrei più larga, coraggiosa, innovativa. Capace di parlare a tutti, e di fare una politica diversa. Una politica in cui le case non si costruiscono dai tetti. Credo profondamente che uno dei drammi della politica italiana sia questa, apparentemente insanabile, deviazione leaderistica. Una deviazione endemica a destra, capace di sfigurare il Pd di Renzi, e alla fine fatale anche per i 5 Stelle, prigionieri della dinastia Casaleggio e prostrati davanti al trono di Di Maio. Ma nemmeno la Sinistra riesce a essere diversa. Hai voglia a dire che la cosa importante sono le cose, il progetto, il programma. Hai voglia a dire che i portavoce si decidono solo dopo, e dal basso. Hai voglia a parlare di rinnovamento. Hai voglia a parlare di leadership plurale. Di parità di genere. Quando all’orizzonte della cronaca effimera del Palazzo si profila un autorevole maschio, in età sufficientemente alta, ecco il leader bell’e fatto: ne abbiamo visti più di uno, negli ultimi mesi. E il “noi” ridiventa subito un “io”: nel trionfo di autoreferenzialità che è il vero disastro di questa sinistra ombelicalmente romana. È un problema di metodo: la tentazione della bacchetta magica personalistica vince ogni altra aspirazione. Svelando che la Sinistra non si afferma perché non è abbastanza diversa: perché non pensa diversamente, perché non ha il coraggio di praticare, e non solo di predicare, un altro modo di fare politica. Ma è anche un problema di merito. Perché tutto quello che ho detto resterebbe vero anche se si parlasse, che ne so, di Maurizio Landini. Ma almeno si capirebbe cosa stiamo dicendo. E invece no. Con il massimo rispetto per la persona e per il ruolo istituzionale, vorrei sommessamente dire che il presidente del Senato per me non “rappresenta un presidio vivente dell’Italia della Costituzione repubblicana”. In questa legislatura è successo di tutto: il Pd di Renzi ha fatto strame in ogni modo della Costituzione. E Grasso ha deciso di lasciare il Pd (e non lo scranno altissimo in cui il Pd l’ha collocato) quando ormai tutto è compiuto, fiducia sul Rosatellum compresa (una fiducia che poteva, e doveva, non essere concessa): un epilogo sul quale il moderatissimo Stefano Folli ha scritto cose difficilmente controvertibili. Sia chiaro, non avrei chiesto a Grasso di fare chissà quali gesti e oggi sono felice che egli sia uscito dal Pd: un importante elemento di chiarezza, che strappa dal vero volto del partito di Renzi un altro pezzo di velo. Ma da qua a definire Pietro Grasso “un presidio vivente della Costituzione” c’è un passo che il senso della realtà consiglierebbe di non compiere. E, soprattutto, davvero non riesco a capire come Grasso sarebbe “per noi, un programma politico vivente”. Sono un alieno, un marziano digiuno di politica politicata – i professionisti non fanno che ricordarmelo, e li ringrazio –: e forse è proprio per questo che non riesco a capire come sia possibile dire ogni giorno che le politiche di destra del Pd hanno sfigurato il Paese, e poi dire che, fino a giovedì scorso, il nostro programma politico era nel Pd. Qui arriviamo al nocciolo della questione: che non è personale, ma è culturale. Il motivo per cui milioni di giovani preferiscono i 5 Stelle alla Sinistra è che quest’ultima non ha il coraggio di dire che bisogna rovesciare il sistema. Un sistema che lascia fuori della porta metà del Paese. Una Sinistra troppo preoccupata di ‘rassicurare’ gli spettatori dei talk show, apparendo moderata, affidabile, “di governo”. Una Sinistra che, raccontando a se stessa che è tattico scegliere un servitore dello Stato, finisce col raccontare a tutti gli altri che sta scegliendo di servire lo stato delle cose. Una Sinistra convinta di non vincere perché troppo alternativa: e che invece non convince, e non vince, perché è troppo timida, conformista, prevedibile. Una Sinistra che non può dire di voler rifare lo Stato dalle fondamenta candidando chi per cinque anni è stato il numero due dello Stato. Anche se si tratta di una eccellente persona, come in questo caso. Una Sinistra subalterna al Pd: perché si autocondanna a ruotare intorno all’elettorato, e al ceto politico, di quel partito, come un satellite ruota intorno a un sole malato. Una Sinistra che sembra non trovare altre parole, altre persone, altre biografie. Commentando il suo eccellente risultato elettorale, Corbyn ha detto: “i commentatori si sono sbagliati”. Ecco, abbiamo bisogno di una Sinistra che spiazzi i commentatori politici, non che ne assuma la logica tutta interna e autoriferita. Pensiamoci: smentendo ogni logica di scelta dal basso, si usa un metodo di investitura interno al sistema (ripeto: dal “noi” all’ “io”) per scegliere un pezzo eccellente del sistema che (da qualche ora) sembra essersi dissociato. senza chiedersi cosa, quel pezzo, pensi di tutte le questioni cruciali intorno alle quali stiamo costruendo il progetto di questa nuova Sinistra. Perché chi sa cosa pensa l’ottimo Pietro Grasso del reddito di dignità, o della riforma Fornero o della progressività fiscale? Non lo sappiamo perché il suo ruolo gli imponeva di non farcelo sapere: ed è giusto che sia così. Ma come facciamo, allora, a dichiararlo “programma politico vivente”? È proprio imboccando queste scorciatoie che la politica dei politici si trasforma in gioco di prestigio indifferente alla realtà del mondo. Ed è allora che il mondo, giustamente, le volta le spalle. Il “programma vivente” di una Sinistra coraggiosa, nuova, anti-sistema, capace di parlare come parlano Jeremy Corbyn e Pablo Iglesias non potrebbe mai essere un pezzo apicale (per quanto pulito) del sistema: ma dovrebbe semmai essere un precario, una donna discriminata, un disoccupato, un povero, un ricercatore in fuga all’estero, un migrante. Una lavoratore piegato del Jobs act, un insegnante umiliato dalla Buona Scuola, un soprintendente spezzato dallo Sblocca Italia: non un esponente di spicco del partito che ha fatto tutto questo. Francamente non so come andrà a finire il tentativo di costruire una lista di Sinistra che non sia solo la somma dei partiti in Parlamento a sinistra del Pd e del loro ceto politico. Ma so che senza coraggio, senza fantasia, senza la capacità di liberarsi da complessi di inferiorità, conformismi, mimetismi, tatticismi e attese messianiche del leader questa Sinistra continuerà a parlarsi allo specchio, i Cinque Stelle continueranno a trionfare, e mezza Italia a non votare. Quando ci decideremo a invertire la rotta?”. (Tomaso Montanari, da MicroMega).

L’Ordine dei Medici Chirurghi di Oristano e il Centro Sociale degli anziani di via Cagliari hanno inaugurato un’importante iniziativa sulla prevenzione delle malattie e sul corretto stile di vita nell’anziano. Nella sala del Centro Sociale, il cardiologo Gianfranco Delogu ha tenuto la prima di una serie di conferenze, il cui scopo, oltre a informare gli anziani, è quello di sancire un’alleanza tra medico e paziente. Delogu ha trattato il tema della prevenzione delle malattie cardiovascolari, a cui è seguito un partecipato dibattito. Le altre conferenze previste per i mesi di novembre e dicembre si occuperanno di dermatologia (medico Augusto Cadeddu), di geriatria (Efisio Trogu), i benefici della vaccinazione (Maria Valentina Marras), di urologia (Vincenzo Pecoraro), di medicina generale con riferimento all’anziano (Franco Ledda). Incontrarsi e confrontarsi al di fuori di situazioni contingenti, e in un contesto informale e quasi familiare, è un modo nuovo di rapportarsi tra medico e paziente. L’Ordine dei Medici di Oristano intende promuovere e incentivare iniziative come quella organizzata dal Centro Sociale degli anziani, ed è quindi doveroso riconoscere al presidente del Centro, Benito Giglio, il merito di averla proposta.

Anche quest’anno, in occasione delle Commemorazione dei defunti, si rinnova il ricordo per i sindaci della città e delle altre autorità che hanno onorato Oristano e il territorio nelle più importanti sedi istituzionali, e che oggi riposano nel cimitero di San Pietro. La cerimonia, d’intesa con la Provincia e la Regione, è in programma per giovedì 2 novembre, alle 9.45, presso il cimitero San Pietro. Il sindaco, Andrea Lutzu, e gli assessori comunali deporranno una composizione di fiori sulle tombe dei primi cittadini oristanesi del dopoguerra: Davide Cova, Alfredo Corrias, Salvatore Annis, Gino Carloni, Giovanni Canalis, Salvatore Manconi, Pietro Riccio, Vincenzo Loy, Manlio Odoni, Ignazio Manunza e Sergio Abis. La ricorrenza del 2 novembre sarà onorata, insieme al Comune, anche dalla Regione, dalla Provincia e dalla Commissione comunale per le Pari opportunità, con un ricordo per Alessandro Ghinami, Lucio Abis, Maria Teresa Sechi, Tonino Franceschi, Giuliana Fancello, Aurelia Giongo e Salvatorangelo De Castro nell’anniversario dei 200 anni dalla nascita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>